CONTATTI

Circonvenzione d'incapace


 

A volte persone senza scrupoli tendono a soggiogare mentalmente e fisicamente i più deboli al fine di procurarsi un profitto o un vantaggio economico. Ma l’abuso della vulnerabilità della vittima, inquadrato dal Codice penale tra i reati contro il patrimonio e punibile anche con la reclusione, non è certo di facile dimostrabilità.

Grazie alle profonde conoscenze e alla preparazione dei nostri professionisti, in Noir Investigation potrai trovare delle figure pronte ad indagare nel modo più discreto possibile e a produrre quelle prove che saranno fondamentali in ambito forense per far valere un proprio diritto.

 

 

Continua a leggere...

Circonvenzione d'incapace

Quando parliamo di Circonvenzione d'incapace facciamo riferimento ad una condizione in cui un soggetto si approfitta di un altro. Quest'ultima risulta portatore di handicap o deficit. Il Codice Penale considera la Circonvenzione di incapace un vero e proprio reato punibile ai sensi della legge. In particolare l'art 643 del codice penale italiano prevede dai due a sei anni di reclusione, con una multa che ammonta dai 206 a 2 065 euro. Anche per quanto riguarda la Tutela minori all'interno dell'affidamento figli, si può verificare questo reato, mosso da uno dei genitori. Abusare quindi dei bisogni, delle passioni e dell'inesperienza anche di una persona minore, oltre a chi soffre di uno stato d'infermità o deficienza psichica, è sempre punibile ai sensi della legge.

Circonvenzione di incapace procedibilità d'ufficio

La Corte di Cassazione Penale, ha sancito attraversi la sentenza n. 19834/2019, che risulta necessario la presenza di specifiche condizione per parlare di Circonvenzione di incapace, ovvero:

  • Rapporto non equilibrato tra vittima e carnefice, in cui quest’ultimo plagia o manipola la volontà della vittima, che non è nella condizione psichica di opporre resistenza;
  • Convincere la vittima a commettere un atto illegale che può avere effetti dannosi per gli altri e se stessi;
  • Abusare senza filtro dello stato di vulnerabilità della vittima, la quale viene completamente sfruttate dal carnefice per il raggiungimento di uno scopo;
  • Riconoscere e approfittare dello stato fisico e psicologico della vittima.

 

Circonvenzione d'incapace codice penale

Come abbiamo visto la circonvenzione di incapace è un vero e proprio reato punibile ai sensi del Codice Penale. Gli anni di reclusione e la multa da pagare, sono fattori decisamente relativi che dipendono dalle effettive circostanze in cui il reato si è consumato. Sarà la sentenza del giudice, dopo aver elaborato prove a lui fornite a stabilire termini e condizioni. Se ci sono aggravanti, ovviamente la pena risulterà più accentuata. Infatti come sopra riportato, il carnefice potrebbe portare la vittima a compiere atti illegali. Inoltre spesso e volentieri il Cyberbullismo è legato alla circonvenzione d'incapace. Potrebbe rappresentare una fase iniziale in cui la vittima viene plagiata e avvicinata sempre di più. Ad ogni modo risulta importante in ambedue i casi contattare un'agenzia di investigazioni. Avere prove di quanto si sostiene o si va ad imputare, è la chiave di volta per ottenere giustizia e accelerare le pratiche legate al processo.

Circonvenzione d'incapace e infedeltà

L'Infedeltà coniugale alle volte è legata alla circonvenzione di incapace, in quanto un coniuge o partner potrebbe approfittare della condizione svantaggiata dell'altro. Purtroppo la vittima potrebbe non accorgersi mai di essere stata tradita, ma parenti o amici potrebbero commissionare delle indagini per avere più chiara la situazione.

Circonvenzione d'incapace e indagini patrimoniali

La circonvenzione d'incapace spesso mira ad estorcere denaro alla vittima. La quale viene manipolata abilmente per arrivare al proprio obiettivo. Proprio per questo motivo è assolutamente importante procedere con delle indagini patrimoniali. Non dobbiamo ovviamente essere noi a farlo, ma richiedere il lavoro di professionisti del settore. Solo in questo modo sarà possibile davvero capire i movimenti di denaro della vittima.

Circonvenzione d'incapace: colf e badanti

Un abuso comune che rientra sempre nella Circonvenzione d'incapace è senza ombra di dubbio quello esercitato da badanti o colf nei confronti di anziani. Il lavoro domestico infatti spesso è legato quello della truffa che è severamente punito dall’articolo 640 del Codice Penale. Molto spesso gli anziani, disabili o semplicemente persone che hanno bisogno di aiuto e accompagnamento vengono con facilità manipolate, plagiate, raggirate e tratte in inganno. Le vittime sono deboli e vulnerabili, non in grado di opporre resistenza o di pensare male, soprattutto quando si tratta di badanti che si prendono cura di loro. Ma proprio qui sta il loro gioco che deve se necessario essere svelato e punito. Di solito soggetti che hanno bisogno di assistenza domestica versano in situazioni di deficienza psichica, fisica, di squilibrio e di vulnerabilità. Chi si approfitta di questi deficit ha spesso lo scopo di indurre la vittima a commettere determinati atti pregiudizievoli, spesso e volentieri a scopo di lucro.

Ovvero:

  • ottenimento di somme di denaro che vengono riscosse riscossione in nome e per conto della vittima;
  • costituzione di un libretto cointestato con la vittima;
  • stipulazione di un contratto di lavoro a costi molto elevati;
  • cessione di quote azionarie, beni di lusso, costosi oppure immobili.

Inoltre spesso infatti badanti o colf che assistono anziani, dopo aver terminato il contratto di lavoro contattano la famiglia per richiedere somme molto alte in denaro, con la minaccia magari di essere state pagate meno di quanto avevano richiesto. Episodi di questo tipo possono arrivare a vere e proprie estorsioni, sempre gestite e punite ai sensi del Codice Penale. (art. 629 c.p).

Circonvenzione d'incapace minori

Spesso anche i minori sono bersaglio di persone mal intenzionate che vogliono raggiungere i loro scopi. Queste approfittano dell'inesperienza del soggetto e della sua presunta vulnerabilità per manipolarlo e convincerlo a commettere atti che in realtà non desidera compiere. Un esempio per tutto è lo spaccio di sostanze stupefacenti, con la promessa di ottenere in cambio notorietà, attenzioni, cifre alte di soldi. Spesso il carnefice studia bene la sua vittima, la sua condizione familiare, per capire i punti deboli sui quali insistere per ottenere ciò che vuole. Anche in questi casi è bene contattare un'agenzia di Investigazioni in grado di chiarire spesso agli occhi dei genitori, che cosa sta realmente accadendo. Grazie alle prove fornite durante le intercettazioni di telefonate, messaggi, gli appostamenti e le registrazioni, possiamo procedere ad una denuncia ad personam e convincere il giudice della validità di ciò che stiamo affermando.

contattaci per maggiori informazioni

© Noir Excellence Group | Privacy Policy | Sito web realizzato da MSN - Make Some Noise srls